L’importanza dell’esperienza nelle analisi statistiche
21726
post-template-default,single,single-post,postid-21726,single-format-standard,cookies-not-set,stockholm-core-1.1,select-theme-ver-5.1.8,ajax_fade,page_not_loaded,side_area_uncovered,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

L’importanza dell’esperienza nelle analisi statistiche

 L’importanza dell’esperienza nelle analisi statistiche



Il seminario si propone di esaminare e dibattere sui supporti al  governo delle opzioni strategiche nel territorio  della Banca e  le azioni commerciali da intraprendere verso il  mercato attraverso un aggiustatore“ forecast” della dinamica di business della piazza bancata servita dalla singola filale.

Nei giorni scorsi, in un programma televisivo seguito distrattamene, a proposito di intelligenza artificiale e analisi statistica predittiva, il conduttore ha posto l’attenzione sul rischio di utilizzo di dati non controllati in alimentazione ai sistemi di calcolo.

La fase più importante e delicata che gli analisi di segmentazioni, scouring, regressioni debbono affrontare è la scelta delle variabili definitorie presenti nel CRM opportunamente arricchito da indicatori territoriali e dalle distanze.

Il risultato delle analisi statistiche multivariate, e le conseguenti misure commerciali personalizzate per gruppi e profili, deve prima di tutto convincere il gruppo degli analisti: l’esperienza insegna.

Qui di seguito alcune finte relazioni, direttamente o indirettamente correlate, che sicuramente possono portare a spiegazioni quantomeno fuorvianti della variabile da stimare (https://www.wired.it/scienza/lab/2014/05/12/generatore-correlazioni-assurde/ )

Marina Maestri
Amministratore delegato presso Master Information Srl